Po'es – pizza sfizi e bontà

Po’es’- pizza sfizi e bontà domani sera aprirà nuovamente i battenti in una nuova sede, in via Marconi 28 ad Angri.

ll Po’es’ nasce dall’idea di tre giovani ragazzi, che da circa 6 mesi si sono lanciati in questa nuova avventura. Fino ad oggi il locale era situato in un vicolo molto caratteristico di Angri, via Giudici, divenuto grazie ad esso un luogo di ritrovo per molti giovani soprattutto nel weekend.

la sede di via Giudici

“Po’es’ Street Food” nasce nell’ottica di offrire al suo pubblico pizza e sfizi tradizionali con un leggero tocco di influenza “social” e con qualche versione #foodporn; tuttavia l’anima del locale resta sempre ancorata alla pizza tradizionale napoletana e ai fritti classici della cucina partenopea.

La nuova sede si trova poco distante da questa sede originaria; fine principale del trasferimento è offrire una sala con posti a sedere, e quindi abbracciare anche una clientela più adulta. Senza però dimenticare la vera anima di questo locale ovvero i clienti più giovani, ai quali sarà comunque dedicato un angolo Street Food.


Le pizze di Michele Tramontano richiamano la classica “rota e’ carretto”, col cornicione basso e un impasto sottile e morbido.

Con il pizzaiolo Michele Tramontano

Ma passiamo ora all’argomento che più vi interessa, ovvero: cosa abbiamo assaggiato?Alberto è stato gentilissimo e disponibile  guidarci lungo tutta la cena, consigliandoci tutto ciò che potesse essere degno di nota.


Come antipasti abbiamo scelto un bis di montanarine fritte: una con sugo alla genovese e una con ragù classico. Diventate ormai un must dell’antipizza, entrambe leggere e gustose al tempo stesso.

all’assaggio della montanarina al ragù

Le due frittatine invece erano con pesto di pistacchio e mortadella e l’altra con ragù bianco classico (piselli, carne tritata, prosciutto cotto e besciamella). Cremose, saporite, ben fritte ed asciutte.

Bis di frittatine
frittatina pistacchio e mortadella

Passando infine alle pizze, la scelta è ricaduta su:  “A principessa” con fiordilatte, mortadella, granella di pistacchio, burratina centrale.

La principessa

Come da tradizione, siamo passati ad una Margherita, ed infine la “Pupetta” con prosciutto crudo, melanzane grigliate, fiordilatte, bocconcini di mozzarella e scaglie di Grana Padano.

Margherita
la Pupetta

Non posso che mandare un grande abbraccio e un forte in bocca al lupo ai ragazzi del Po’es’ per questo nuovo traguardo che hanno raggiunto: che sia non un punto di arrivo ma un nuovo punto di partenza ricco di nuove soddisfazioni!

Vi ricordo che lo staff del Po’es’ vi aspetta domani sera 7 Dicembre 2019 ad Angri, in via Marconi 28!


Contatti:

Facebook: Poes Streetfood

Via Marconi 28, 84012 Angri

Tel: 391 101 0551

5° Trofeo Pulcinella 2-3 Settembre 2019 Lungomare Caracciolo: pareri, giudizi e classifiche complete

Per il secondo anno di seguito, grazie all’invito di Attilio Albachiara, mi sono ritrovata in giuria contemporanea ad assaggiare e giudicare le pizze di diversi concorrenti.

Albachiara, presidente dell’Associazione Mani D’oro, è arrivato alla quinta edizione di questo Trofeo, che anno dopo anno riesce sempre più a perfezionare e migliorare nei dettagli.

I punti forti riscontrati nell’edizione di quest’anno, a parer mio e probabilmente dei più, sono stati 3.

In primis, la location: nulla togliendo alla Mostra d’Oltremare di Fuorigrotta, niente batte la bellezza e la spettacolarità che può offrire il lungomare Caracciolo; il Miramare exclusive è stato la cornice ideale per ospitare la cena di gala a conclusione del campionato. Inoltre, ho trovato vincente la sinergia con un altro evento come il Bufala Fest, che durerà ancora fino all’8 Settembre.

Secondo punto a favore, il voto telematico: quest’anno ognuno di noi aveva una postazione dotata di tablet. Il voto veniva espresso a tavolino e simultaneamente i vari voti comparivano sulle classifiche provvisorie del tabellone allestito all’ingresso dell’Arena del gusto (la struttura che ha ospitato l’evento).

Terzo punto non meno importante, l’organizzazione delle giurie e dei partecipanti: ogni gruppo di giudici aveva un tot prestabilito di concorrenti da giudicare (senza essere sottoposto a troppe ore in postazione), mentre i partecipanti disponevano di un calendario completo di nomi e relativo orario di comparsa (orari che sono stati quasi perfettamente rispettati, in quanto la chiusura gara era prevista per le 18 e si è andati davvero poco oltre).

In merito alle classifiche complete, è possibile consultarle visitando il sito ufficiale dell’evento www.manidoro.pizza .

Vi aspetto al prossimo anno!